martedì 30 dicembre 2008

La Dignity speronata dalla Marina israeliana:stava portando aiuti umanitari a Gaza.Il servizio della CNN e la testimonianza di Vik. Pagliara dove era?

Prima di tutto (quasi come una sorta di introduzione allo scenario attuale di Gaza) voglio riportarvi la mail ricevuta da Vittorio stanotte:

data 30 dicembre 2008 2.30
oggetto: bombing

Attorno al porto sono cadute 15 bombe,400/500 metri dalla mia visuale.

Attaccano le macerie di quello che hanno distrutto ieri e il giorno prima.

Verso le 22 invece un apache ha sorvolato il porto e lanciato una decina di razzi,
distrutte presumo 6 imbarcazioni, almeno 3 di pescatori palestinesi (barche piccole).

Una grossa nube di fumo grigio si muove dal porto verso il mio palazzo,
ma non posso chiudere le finestre, se non esplodono.

Da lontano si ode l'attacco all'università islamica.

Nessuna sirena di ambulanze verso dove sto io,il più dei morti da queste parti li hanno già fatti due giorni fa.


Avevo ricevuto ieri sera un sms che mi informava che Vittorio avrebbe dormito nell'appartamento di Andrew (l'altro attivista pacifista scozzese rapito ed imprigionato insieme a Vittorio e Darlene, anche lui già tornato a Gaza) e George.

L'appartamento è proprio davanti al porto di Gaza e questo gli avrebbe permesso di controllare ed aspettare "a vista" l'arrivo della Dignity previsto questa mattina.

Cosa è la Dignity?
E' una imbarcazione del FreeGaza Mov. partita il 29 dicembre da Cipro per portare a Gaza medici e materiale sanitario e chirurgico.

http://www.freegaza.org/index.php?module=latest_news&id=e060e9316ba931b0a86fe47234d777f3

Stamattina ricevo questo sms da Vittorio... Ore 7.20
Hanno speronato la Dignity e sparano: Li hanno costretti a dirigersi in Libano.

Cui è seguito questo altro...Ore 7.36
Falla nello scafo dopo lo speronamento dei pirati israeliani.Lanciato sos.

Fortunatamente verso le 8 e 30 si veniva a sapere che non c'erano feriti e che la Dignity "scortata" da 3 navi israeliane, con la falla che continua ad imbarcare acqua, procede lentamente verso il Libano.Il Presidente libanese ha ordinato di predisporre navi di appoggio e soccorsi non appena la Dignity entrerà in acque libanesi.

Ecco la testimonianza rilasciata stamattina da Vittorio Arrigoni a radio Popolare sulla vicenda della Dignity:

http://www.radiopopolare.it/fileadmin/notiziario/notiziario_10_26.mp3

Alle 15 vengo informata che un servizio della CNN sull'accaduto è appena andato in onda, ecco la presentazione del servizio TV sul sito del Network americano.

Scrivo la traduzione e metto il link per chi vuole leggere in originale l'intero pezzo:

Il corrispondente della CNN Karl Penhaul era a bordo della Dignity quando è avvenuta la collisione in acque internazionali a circa 9o miglia (140 km) da Gaza.
In un messaggio radio, le autorità israeliane hanno dichiarato che la Dignity è implicata in attività terroristiche.
La Dignity stava trasportando 16 persone tra passeggeri ed equipaggio e stava tentando di raggiungere Gaza attraverso il blocco d'assedio israeliano.
A bordo materiale di soccorso, giornalisti, medici e attivisti per i diritti umani.


http://search.cnn.com/arProcessing.jsp?sType=news&docID=/www/xml/cnn//2008/12/30/WORLD_meast_gaza.israel.airstrikes.xml&dest=http://edition.cnn.com/2008/WORLD/meast/12/30/gaza.israel.airstrikes/index.html&qry=dignity

Questo è il video del reportage della CNN:



E questo è il reportage di Al Jazeera che mostra la Dignity in un porto del sud del Libano e i danni subiti dell'imbarcazione. C'è anche un'intervista alla portavoce della marina israeliana. Molto indicativa.. Il tutto in inglese (ovviamente).



Ma forse ci sarà ancora qualcuno che scriverà e griderà che il caro ed esimio Pagliara, corrispondente del TG1 e TG2 da Israele, che non si azzarda mai a mettere piede in Gaza, ma discetta e disquisisce con incredibile faccia tosta (per non dire faccia come il cxlo) e parzialità filoisraeliana è più attendibile della CNN.
L'ennesima pagina nera del"giornalismo" nostrano.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Grazie del tuo impegno fai un pensierino a fb perchè potresti avere molta visibilità e trasmettere tutto questo, se sei d'accordo mi faccio insegnare come si fa e posto il tuo blog Fammi sapere.
Sento quotidianamente Vick e sono sicuro che poche parole lo fanno sentire meno solo. Deve essere molto pesante sul piano psichico più che quello fisico seppur senza dormire.
Ciao
Massimo

Mario ha detto...

Se dicessi che sono sorpreso dal comportamento della marina israeliana mentirei, però non posso non rimanere lo stesso allibito, una volta di più. A parte la natura chiaramente umanitaria del viaggio della Dignity, a bordo c'erano anche importanti personalità della politica, europee e americane... La candidata presidente Usa per i Verdi, ad esempio. Ma già, forse in America contano solo Repubblicani e Democratici, o forse Israele semplicemente se ne frega...

Audrey ha detto...

@ Massimo
Un abbraccio :-)

@Mario
Sì, come hai precisato tu, sulla Dignity era presente Cynthia McKinney,la candidata presidenziale dei Verdi già rappresentante della Georgia al Congresso USA per i democratici.
Ho visto anche su youtube un servizio della CNN che la intervistava sull'accaduto, ma non volevo "ingolfare" il post con troppo video! :-)
Ma come hai detto giustamente tu..Israele se ne frega... O meglio siamo in campagna elettorale laggiù (come mai nessuno lo ricorda) e l'unica cosa importante è rassicurare gli elettori che Hamas verrà sconfitta...

Pietro ha detto...

Una storia anche elettorale, in cui ci vanno di mezzo comunque innocenti.
Un saluto...

Audrey ha detto...

@ Pietro
La decisione di sferrare questo attacco da parte di Israele è sicuramente connessa, anche, al clima pre elettorale, che nessun mass media rammenta.
Sentire oggi i vari TG annunciare con grandi speranze la visita di Tzipi Livni a Parigi per i prx giorni. mi è sembrato, francamente, illusorio.
Il Likud, il partito leader dell'opposizione di destra,vincerà le prox elezioni, è fortemente in testa in ogni sondagggio.
E questa non è una buona notizia per la pace.
Un saluto anche a te...
Audrey

ShareThis