venerdì 18 dicembre 2009

CI AMANO, DA MORIRE


Di troppo amore si può morire

Lo sanno bene i Lupi. Per questo si travestono da agnellini. Dopo aver cercato di sbranare le vittime ringhiando e mostrando i denti, non riuscendoci si trasformano in innocenti agnellini.

Chi? Loro?
No! loro sono il partito dell’amore. Quanta tenerezza, nelle manganellate ai manifestanti, quanta ne suscita sentirsi dare dei coglioni, dei nemici da estirpare, quanta ce n’è nel messaggio” prendiamo i fucili o popolo padano”.
Troppa tenerezza, da pelle d’oca. Lo comprendono anche i poveri, in tutti i sensi, che emigrano in Italia, sanno dell’amorevole accoglienzaa loro riservata, le parole di conforto dei leghisti e non.

Era da anni che non si respirava un aria così amorevole. Dai tempi di Mussolini. Anche se oggi sembra una farsa, una parodia del fascismo. Per quanto poco spessore avesse il duce il suo sosia odierno di grande ha solo la megalomania. Non incute terrore agli avversari, piuttosto un senso di nausea e di nefandezza. Gli italiani credevano di avere il vaccino alla pandemia della dittatura, ma il virus si è trasformato, è mutato e per sfuggire alle difese immunitarie si traveste da paladino della democrazia. Da aguzzino si trasforma in vittima.
E’ virulento e colpisce anche chi dovrebbe fare opposizione. Nella sua follia ha una lucida strategia. Ha mille volti, non ha paura a mostrarsi, anzi. Ha il volto di Lupi ad Annozero quando accusa coloro che resistono di essere il virus. Sembra, appunto, un agnellino. Ha il volto di Bondi pacioccone e viscido, quello di Cicchito, di Capezzone di Schifani, di Feltri di Belpietro che si commentano da soli. Attacca lo Stato, tutte le istituzioni democratiche. Per questo è molto pericoloso

Dispensa sorrisi e bastonate, come quelle date ai detenuti per pochi grammi di droga.

E’ per amore, solo per amore.

Come sono buoni, Ci amano da morire.
Solo che a morire siamo noi.

10 commenti:

Audrey ha detto...

Temo che prendiamo troppo sul serio le sue parole.
Forse il tempo delle parole è finito, è il tempo dei fatti, delle azioni.
Ma in giro c'è una gran aria di stanchezza.
Unica consolazione..L'aria è generale, anche i suoi "fans" non gli credono più.
Brutta aria, brutti tempi, brutto Natale.
Ciao Prim,
Audrey

Anonimo ha detto...

sembra di stare in campagna dopo che hanno concimato i campi.

Brutto natale
Ciao Audrey
Prim

Comicomix ha detto...

Anche la parola amore da qualche giorno ha preso un'altro senso..
Poveri noi.

Bravo Brescià, brava Sara.

Un sorriso da molto, molto lontano.

C.

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo,il peggio deve ancora arrivare,questo CIALTRONE che ci governa,pur di sfuggire alla giustizia,è disposto anche al peggio,la rovina del paese a tutti i livelli,politico,sociale ed economico,spero di sbagliarmi!

Anonimo ha detto...

Ormai l'incubo Berlusconi vi ha ridotto il cervello in pappa

Anonimo ha detto...

@anonimo (INCUBO)

tanta, troppa gente ai tempi di benito considerava gli oppositori gente senza cervello. La Storia ha dimostrato di spessore invece erano, mentre tanti troppi appena caduto si sono presi meriti che non avevano. Normalmente sono quelli che non usano il cervello e usano il pensiero dominante.

La sinistra ha un grandissimo pregio difetto:quello di essere sempre ipercritica. Ma è solo così che le menti si sviluppano

Prim

Martina Buckley ha detto...

Caro Prim
nonostante abbia il *privilegio* di non essere perseguitata dagli incubi trasmessi dai media italiani, le tue parole sono da brivido perché le condivido perfettamente.
Gli italiani hanno la "sindrome da gregge" e l'hanno manifestata così tante volte nel corso della loro storia. Non ci si può esentare neppure questa volta.
Come al solito, la stampa estera vede bene e con lucidità ciò che sta accadendo. In Italia no, la nebbia totale, e non solo in pianura padana.
Verrò giù in Italia per sei giorni dopo Natale e già rabbrividisco a ciò che dovrò subirmi dai media, che per fortuna guarderò pochissimo se non per nulla, dato che programmo di spendere del tempo di qualità con dei vecchi amici. Ma, come sempre, l'aria che si respira avrà quella consistenza pesante che ritrovo oltre le alpi da ormai parecchi anni.
15, per l'esattezza.
Un abbraccio

Anonimo ha detto...

Non gli è bastato svilire, ridicolizzare, stuprare la parola "libertà", della quale infarciscono i loro discorsi ripetendola ogni 15 secondi!
Adesso è l turno dell'"ammore"....
Personaggi davvero infimi ed insignificanti quelli del PDL. Ma visto che hanno vinto le elezioni vien da pensare che la maggioranza degli italiani non è affatto migliore di loro.
Abbiamo ciò che meritiamo. tutto qui.
Saverio da CZ

Anonimo ha detto...

@Martina
contraccambio l'abbraccio di cuore
Non so se dirti benvenuta o no.

@anonimo
gli italiani sono stati abituati a non pensare e a seguire quanto dicevano i preti in chiesa e si sono da sempre accontentati di accettare acriticamente. Hanno quel che si meritano, mi chiamo escluso solo perchè so di non meritarmelo, ne io ne tanti come te

Prim

rossaura ha detto...

Sono proprio in buona compagnia a rabbrividire di questo periodo storico e stagionale.
Caro Prim sono avvilita e arrabbiata quanto lo sei tu e gli altri commentatori (meno 1) del post. In realtà ritengo che la questone degli italiani pecoroni che non usano il cervello in modo critico di fronte a tanto sfacelo, non sia proprio l'unica vera ragione. Di cause purtroppo ce ne sono da vendere, tra queste e non ultima la totale inadeguatezza della classe politica di sinistra. Non per dire, ma anche le ultime esternazioni di D'Alema potevamo risparmiarcele. A volte ammiro di più Fini (il che è tutto dire) per la dignità che mostra nella sua figura istituzionale. D'Alema sarà anche un politico, ma se sono tutti così....
Insomma odio quello che sto dicendo ma esistono varie Italie, una che vede nell'ometto (in tutti i sensi) la dimostrazione che chiunque, ma proprio chiunque può arrivare in alto. C'è chi ancora lo vede come un essere superiore, un dio fortunato e ricco finendo con l'invidiargli anche la straffottenza. C'è chi gli lecca il fondoschiena perchè sa che solo così riesce ad avere il tornaconto che gli serve. C'è chi ne è ossessionato negativamente e non riesce che a vedere i difetti umani, ma ne tralascia quelli ben più gravi, i politici.
C'è chi non ne può più e non ne vuole più sentir parlare o parlarne. FC'è chi gli tira statuette e chi vorrebbe tirargliene, ma non ne ha coraggio. E se continuo arrivo tranquillamente a domani.
Mi dici di che tipo di italiano sei tu? Facile che anche fra noi due ci sia una profonda differenza. In pratica siamo in troppi a pensare che lui stia salvando l'Italia e che preferisca non vedere cosa ne sta veramente facendo. E siamo in meno, ma sempre tanti, che lo odiamo perchè incarna il Male Assoluto. Ma lui è solo un ometto, siamo noi tutti che lo autorizziamo ad essere quello che è, anche solo sopportando giorno dopo giorno la situazione politica italiana.
Certo non c'è molto altro da fare perchè nessuno dei nostri rappresentant è all'altezza di esserne controparte. E quindi vince lui e la sua corte dei miracoli (e di personaggi ce ne sono tanti), lui è più bravo, sa delinquere, ma riesce a non farsi arrestare, ma neanche a farsi odiare. Sa convincere con quattro sorrisi da attore in disuso. L'Italia è talmente delusa che anche un incubo, può sembrare un sogno.
Auguri vecchio mio e che l'anno nuovo ci porti almeno un po' di speranza e un po' di coraggio per uscire dalla melma di oggi.
Un abbraccione
Ross

ShareThis