mercoledì 21 maggio 2008

Liberation scrive: vedi Napoli e marcisci. Berlusconi risponde: nasceranno fiori dove ora c' l'immondizia. Temo questa volta vinca la Francia... azz



E' da poco finito il Consiglio dei Ministri a Napoli.
Le prime parole di Berlusconi?
Nasceranno fiori dove ora c'è l'immondizia

Quanti anni ci aspettano ancora? 5...
Ma come era andato a finire quel sondaggio che avevo fatto qualche post fa, su dove si potrebbe emigrare e che ebbe grande successo?
Mi pare che abbiano vinto...California, qualche isola della Polinesia, Australia.

Ps In realtà oggi volevo scrivere qualcosa sullo speciale (4 pagine) che Liberation ha dedicato qualche giorno fa a Napoli ed il problema dei rifiuti.
Già il titolo del reportage è fantastico

Voir Naples ed pourrir..Vedi Napoli e marcisci.
Parafrasi del famoso "Vedi Napoli e poi muori".

La disamina fatta dal prestigioso giornale francese è tanto analitica quanto spietata.
Si mettono in risalto le correlazioni fra il problema rifiuti e il dominio della Camorra, nell'editoriale, intitolato "Malata" è scritto:
Questo servizio minimo (la raccolta dei rifiuti) che lo stato e la collettività locale garantiscono da Singapore a New york, lo Stato italiano e la Campania non riescono ad assicurarlo a Napoli.

Riporta le parole di analisi politica del Professor Marc Lazar:
" Uno stato debole che ha lasciato agire una società civile dinamica per lungo tempo".
Sviluppandosi così secondo un modello di diseguaglianze che appartiene più ad un paese del terzo mondo che ad un'Europa sviluppata.

Ecco tutte queste parole, tutta questa capacità analitica, tutta questa capacità di critica, tutta questa capacità espositiva mi sarebbe piaciuto trovarle su un nostro giornale.
Però sono certa che domani sentirò su ogni TG e leggerò su ogni giornale queste rassicuranti parole:

Berlusconi ha assicurato che nasceranno fiori dove ora c'è l'immondizia



14 commenti:

rossaura ha detto...

Lui è un uomo colto e sa che "dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior" pensa che giardino al Parlamento :-D

Lord Brummel ha detto...

io lascerei perdere discorsi inutili su berlusconi, dato che ancora non ha cominciato a governare e mi concentrerei piuttosto sul vero polo di attrazione dellla due giorni napoletana, l'hotel vesuvio, splendido :)

Audrey ha detto...

@Ross
Credo che nemmeno sappia chi sia Faber :-)

ç Lord
Ma un commento serio , posato, ponderato, culturalmente impegnato e semanticamente complesso, da parte tua..mai eh :-P
Il problema è che PURTROPPO ha cominciato già a governare...

franco ha detto...

Non so quello che accadrà nel futuro, ma devo dire che rispetto all'aver individuato 3 siti per le discariche in campania, mettere in funzione degli inceneritori, far partire le raccolta differenziata ed imporre un controllo militare a tutto questo con tanto di reato da contestare a chi si oppone NON lo trovo indecente. Il problema esiste oggettivamente e vanno trovate soluzioni a questa emergenza. Non si può pensare di mandare i rifiuti in germania o in altre regioni sine die. La soluzione va trovata in loco vale a dire nella regione stessa che produce rifiuti. Quello che mi dispiace è che il passato governo non l'abbia fatto. Bassolino, presidente della regione nonchè commissario straordinario non l'abbia fatto. La Iervolino non l'abbia fatto.
Oggi, davanti a tanta insipienza dimostrata dal governo, dalla regione, dal comune di Napoli amministrati dalla sinistra, l'importante non è tanto quello che dice Berlusconi a riguardo di questo ma se effettivamente riuscirà a mettere in pratica quello che ha detto. Perchè su quanto detto io, uomo di sinistra, non ho obiezione alcuna.

chearia ha detto...

Io mi auguro sia così, davvero vorrei che nascessero fiori dove ora c'è l'immondizia. Sarei pronta a ringraziare personalmente Silvio (ovvero colui che politicamente è distante dalla mia visione anni luce). La priorità, in questo momento, è risolvere un problema che è di tutti gli italiani, non solo dei napoletani. Mi chiedo, però, se Berlusconi fallirà nell'impresa, che succederà?

Crocco1830 ha detto...

Si ricomincia dove si era lasciato: apertura di nuove discariche; nuovi cancrovalorizzatori; esercito; bertolaso, che già ha fallito da commissario straordinario per i rifiuti.
Esiste però una differenza determinante, con il recente passato: si è introdotto il reato di protesta e di dissenso!

Anonimo ha detto...

non so se il termovalorizzatore è cancerogeno, so solo che noi ne abbiamo uno in città e che non si registrano casi di cancro in misura diversa rispetto ad atre realtà. Una cosa è certa, la camorra lucra su discariche abusive che smaltiscono veleni, non immondizia, ma rifiuti tossici. Da quello i napoletani devono dissentire.
Sono come franco incazzato con la sinistra ma molto incazzato, hanno tradito noi uomini di sinistra e i nostri principi ecco perchè la classe dirigente la manderei a casa.
Dopo i rifiuti smaltiamo anche i pessimi politici.

Da Primlug

Michele ha detto...

Sul governo in carica ha ragione Franco quando dice (semplifico e sintetizzo) "valuteremo i risultati concreti". Non nutro molte speranze ma mi piacerebbe essere smentito.

Sulla stampa italiana: soffre di vecchi problemi e l'attuale precarizzazione non favorisce l'indipendenza dei giornalisti... anche per questo il ruolo di noi blogatori e' importante.

Cari saluti,
Mikelo

Annarita ha detto...

Ciao, Audrey! Ti ringrazio del commento lasciato sul mio blog di matematica. Sei stata gentile.

Adesso ti feedo in modo da poter leggere con calma i tuoi articoli, che meritano indubbiamente:).

Un caro saluto.
Annarita

riccardo gavioso ha detto...

visto che vuol schierare l'esercito e gli abitanti non mi sembrano disposti a mollare, non vorrei che dal letame nascano i fori ;)

vista anche l'ora, buona notte

franco ha detto...

Sono sorpreso, piacevolmente sorpreso. Sapevo di aver gettato un sasso nello stagno ma credevo o temevo fosse troppo grande. Pensavo avrebbe procurato onde alte, insomma che ci fosse stato chi mi avrebbe accusato di millanta cose per aver messo in stato di accusa una sinistra di potere inconcludente e per essermi dichiarato d'accordo su quanto detto da Berlusconi, limitatamente al problema rifiuti in Campania. Ciò non è successo, anzi, e me ne rallegro assai, non tanto per le possibili critiche quanto perchè questo identifica il grado di "laicità" raggiunto nella sinistra. Aver letto commenti di gente di sinistra che è d'accordo con me sulle critiche alla sinistra, e/o sulle cose da fare e come farle mi fa ben sperare. Vuol dire che non siamo una chiesa, che non esistono dogmi, che non abbiamo una gerarchia clericale benedicente a cui dobbiamo fedeltà assoluta ed a cui riconosciamo l'infallibiltà. Forse siamo cresciuti, forse siamo diventati davvero laici, forse siamo diventati disposti a discutere, forse siamo pronti a fare.
E' evidente che così pochi commenti non rappresentano un indicatore percentuale valido ma è pur sempre un indicatore. Di questo mi compiaccio.

Audrey ha detto...

Alcune considerazioni sparse.

1) Che bisogna aspettare i fatti per emettere un giudizio sull'operato del Governo Berlusconi sulla questione "Immondizia napoletana" mi può anche trovare d'accordo.
Però una delle variabili più importanti è proprio IL TEMPO.
Sembra che nonostante la montagna di soldi che stiamo sganciando, la Germania comincia a fare resistenze sulle vagonate di rifiuti che continuano a partire ogni notte. L'immondizia (ovviamente) si continua a produrre...
Personalmente devo fare un'affermazione che stupirà ancora di più Franco: trovo la scelta di BERTOLASO migliore rispetto a quella di DE GENNARO.
A parte che non si capiva proprio che c'entrava un questurino con una faccenda di questo genere (emergenza ambientale, sanitaria, organizzativa, ecc), la perplessità nasceva anche dalla scelta dell'esimio DE GENNARO da parte di un governo di sx.
Vedremo...
Certo da tutta sta faccenda mi sono nate delle riflessioni sulla cosiddetta
NIMBY: Not in my back yard.
Non nel mio cortile
http://it.wikipedia.org/wiki/NIMBY
Qualcosa scriverò al riguardo e/o qualcosa mi piacerebbe leggere in giro.
Gli spunti sono tanti: egoismi ed autonomie locali, fornitura di informazioni corrette ed asaustive ai cittadini, ecc.

2) Sull'esercizio dell'autocritica a sx.
Ma, iocredo che se c'è e c'è sempre stata una prassi consolidata tra le persone di sx è proprio l'autocritica, talvolta al limite dell'autolesionismo :-)
Certe volte sembra che il nostro modello di comportamento sia TAFAZZI :-)
Raga'...
Abbiamo toppato le ultime elezioni OK!
La rappresentanza politica in cui molti di noi si ritrovavano è sparita dalle aule parlamentari, OK!
Se penso che Jervolino e Bassolino sono di sx.... OK!
Con sta storia delle larghe intese, al PD (chiamiamolo di sx..va) gliela stanno... OK!
Ma che volemo fa'???????
Ecco appunto, ricomponiamoci e ripartiamo, ma senza avere troppo TAFAZZI come modello perchè a me personalmente pare che se Atene (la sx) piange Sparta (la dx)non ride.
Un caro saluto a tutti,
Audrey

Ps Annarita il tuo blog mi appassiona. Come tutte le cose che mi risultano complicate e difficili (e per me la matematica così è sempre stata..sigh).
Che gusto c'è ad essere affascinati ed attratti da ciò che ci appare semplice? Non sarei di sinistra sennò (é una battutaaaaa) :-)
Complimenti ancora.

rossaura ha detto...

@ Franco e altri

D'accordo sul fatto che la vergogna della monnezza a Napoli e nella campagna deve finire. Sulle soluzioni che sono evidentemente forti e impositive, si vedrà, magari con l'esercito si può andare contro alla camorra oppure si può farne meglio gli interessi, non ci è dato sapere. L'informazione è ormai totalmente drogata, stanno già spegnendo o strozzando le voci che in qualche modo potevano essere alternative, ormai quello che i cittadini credevano (sbagliando): che a differenza della politica sarebbe stata l'informazione a garantire i loro diritti e visto che ciò si sta lampantemente (e falsamente) verificando, siamo tutti pronti a mangiare sulla mano a questo Governo che si reggerà su questo potere sia nell'ambito della comunicazione sia nell'ambito dell'informazione.
Voglio dire che ci troviamo di fronte ad un governo affetto stranamente da nomadismo, che mostra di realizzare degli intenti, esibendo delle nuovissime capacità di radicalizzarsi sul territorio, che ieri certamente non aveva, (sicuramente meglio di quello della sinistra e su questo sono d'accordo con Audrey che c'entrava De Gennaro, sembrava ed è stata una presa in giro e poi Prodi ha mai la voce grossa con i responsabili?) poi su come si arriva a questi obiettivi, qui allora la questione si fa doppiamente subdola. La prova di forza viene fatta verso la popolazione che ormai da tempo, la sinistra, ha identificato con la camorra. In ogni maniera ci si perde la faccia... (riflessione: ma che razza di consiglieri massmediatici abbiamo noi di sinistra?) Ovviamente in sovrappiù abbiamo le due belle icone della Jervolino e Bassolino che anche ammesso dimostrassero tutta la loro innocenza sono la nostra assoluta rovina e non c'è nessuno che gli batte il pugno sul tavolo.
Termovalorizzatori, raccolta differenziata, un pò come la volontà di questo governo di creare centrali nucleari che andranno in funzione forse fra cinque anni. In tanti dicono che sono sicuri, sani, il minore dei mali, la soluzione di ogni problema. Troveremo mai nessuno che può assicurarci che questa è la verità? Quanti di noi lascerebbero costruire uno di questi aggeggi accanto alla propria casa? Quanti giornalisti diranno da oggi in poi qualcosa se quelle discariche provocano tumori e malattie di ogni genere?
Certo il problema deve essere risolto e non procrastinato, ma a quale prezzo? Stiamo osservando la politica con occhio critico, ma non abbiamo più il coraggio di esprimere un giudizio perchè siamo i primi a non avere da proporre soluzioni e allora ben venga un governo forte che ce le imponga, così alla fine potremmo dire, non è stata colpa nostra noi al governo non c'eravamo, oppure sì?.
Ultima riflessione a ruotalibera: vuoi vedere che anche i napoletani ammireranno il pugno di ferro e il guanto di velluto?

rossaura ha detto...

Errore ho scritto campagna invece di Campania... chiedo venia.

ShareThis